NEWS

La ricerca reumatologica in Calabria: un obiettivo possibile

05 Novembre 2018


Grazie all’iniziativa di un gruppo di medici calabresi, è nata l’Associazione Calabrese per la Ricerca in Reumatologia, un’associazione no-profit finalizzata a promuovere il coordinamento della ricerca scientifica spontanea in Calabria e una maggiore partecipazione dei centri calabresi a progetti di ricerca nazionali ed internazionali. Tra i soci fondatori il Dr. Maurizio Caminiti e la Dr.ssa Giuseppa Pagano Mariano, rispettivamente responsabile e dirigente medico presso la UOSD di Reumatologia – Grande Ospedale Metropolitano Reggio Calabria.

L’Associazione Calabrese per la Ricerca in Reumatologia (ACRR) si propone di:
a) contribuire al progresso della ricerca scientifica e delle conoscenze scientifiche sia in Italia che all’estero nel campo delle malattie reumatiche autoimmuni, autoinfiammatorie, degenerative, metaboliche e funzionali e più in generale delle malattie del sistema immunitario, anche mediante l’erogazione di premi o borse di studio;
b) al fine di conseguire l’obiettivo di cui al punto a) favorire la nascita di una rete trasversale di professionisti, operanti nella Regione Calabria, a vario titolo coinvolti nella gestione di pazienti affetti da malattia reumatiche, inclusi medici specialisti, medici di medicina generale;
c) svolgere attività di aggiornamento professionale e di formazione permanente nei confronti degli associati o di terzi interessati con programmi annuali di attività formativa ECM;
d) collaborare con gli Organi di Governo, il Ministero della Salute, la Regione Calabria, le aziende sanitarie locali, le Università, gli organismi e le istituzioni sanitarie pubbliche in genere nonché le altre Società Scientifiche, svolgendo la funzione di ideazione e raccordo per iniziative di collaborazione scientifica, su scala regionale, nazionale ed internazionale;
e) collaborare con l’Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali (A.S.S.R.) e la Federazione delle Società Medico-Scientifiche Italiane (F.I.S.M.) per la elaborazione, diffusione ed adozione delle linee guida e dei relativi percorsi diagnostici-terapeutici e la promozione dell’innovazione e della qualità dell’assistenza nell’ambito dello studio delle malattie reumatiche e del sistema immunitario;
f) promuovere trials di studio ricerche scientifiche finalizzate e rapporti di collaborazione con altre associazioni, società ed organismi scientifici nella predetta area di studio anche mediante la partecipazione a bandi competitivi promossi da enti pubblici o privati finalizzati al finanziamento di progetti di ricerca nell’area di interesse dell’Associazione o attraverso il finanziamento di attività di ricerca svolta per conto dell’Associazione presso qualificati istituti di ricerca pubblici o privati;
g) facilitare lo scambio culturale ed informativo tra reumatologi ed altri medici specialisti a vario titolo coinvolti nella gestione dei pazienti affetti da malattie reumatiche;h) stimolare lo sviluppo culturale, la formazione e l’istruzione nel campo delle malattie reumatiche presso la società civile, anche mediante campagne di informazione e giornate tematiche;
i) incoraggiare ogni forma di cooperazione genuinamente scientifica con le imprese operanti nel settore sanitario e farmaceutico. l) favorire l’applicazione delle nuove tecnologie nel campo dell’assistenza e della ricerca reumatologica mediante progettazione e sviluppo di applicazioni, siti web, cartelle elettroniche

Sebbene appena nata, l’associazione può vantare già numerosi progetti di ricerca in cantiere, di cui 2 già ammessi al finanziamento sulla base di bandi competitivi, rispettivamente riguardanti la predizione della risposta alla terapia con tofacitinib nell’artrite reumatoide e lo sviluppo di un potenziale approccio terapeutico innovativo nella sclerosi sistemica. Altri progetti riguarderanno l’artrite psoriasica, la malattia di Sjogren e la fibromialgia.

www.reumatologiacalabria.it