Sindromi Mielodisplastiche: il Laboratorio Analisi del GOM, in collaborazione con professionisti del "Gemelli", pubblica criteri diagnostici e le linee guida su importante rivista scientifica

Sindromi Mielodisplastiche: il Laboratorio Analisi del GOM, in collaborazione con professionisti del "Gemelli", pubblica criteri diagnostici e le linee guida su importante rivista scientifica

12 Agosto 2021


Il Laboratorio Analisi del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” ancora in prima fila nei lavori internazionali.

Il dott. Bruno Modafferi e la d.ssa Veronica Latella, in collaborazione con la prof.ssa Gina Zini dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Direttore U.O.C. Emotrasfusione e Banca Cordone Ombelicale del Policlinico “Gemelli” di Roma, e della prof.ssa Gina Zucchi dell’Università Policlinico “Gemelli” di Roma, hanno effettuato uno studio di coorte sulla diagnosi di Sindrome Mielodisplastica stabilendo non solo i criteri diagnostici approvati a livello internazionale (ISHL), ma anche le linee guida da seguire nell’indicazione di evoluzione di MDS in LAM.

Le Sindromi Mielodisplastiche (SMD) rappresentano un insieme di malattie originate dalla progressiva perdita di capacità di sviluppo della linea cellulare mieloide. Le cellule staminali non sono più in grado di completare il loro processo maturativo e quindi si instaurano stati di anemia, piastrinopenia e granulocitopenia di gravità variabile.

Il protocollo redatto dal team sarà battezzato col nome “ITALY MDS ZMZL 2021” (Zini, Modafferi, Zucchi, Latella), sarà pubblicato sulla rivista “Sibioc” ad ottobre e reso noto a livello internazionale all’evento “ASH 2021”.

È in itinere una nuova sperimentazione sulla valutazione della presenza dei prolinfociti in pazienti con disordine linfoproliferativo di cui saranno resi noti i risultati entro il 2021.

 

Per approfondimenti confronta l'articolo completo: